Punkreas – Il lato ruvido: recensione

Nel 2016 un disco dei Punkreas può aver ancora senso? Fosse fatto da una band giovane certamente sì: farebbe il piacere di noi vecchi che sapremmo che qualcosa nelle testoline là fuori ancora si muove. Fatto...

The Burning Hell – Public Library: recensione

The Burning Hell è il progetto musical-letterario di Mathias Kom, più che valido musicista canadese, qui alle prove con la sua settima pubblicazione. L'album è composto da otto brani che contemporaneamente s...

Poliça- United Crushers: recensione

I Poliça sono una di quelle band che dal vivo non stancano mai. Il basso raffinato di Chris Bierden, la doppia batteria di Ivascu e Christopherson, la voce imperfetta e sensuale di Channy Leaneagh, filtrata dal...
stoop

Stoop – Beholders: recensione

Beholders è l’ultimo lavoro degli Stoop, veterana band emiliana, sparita dai palcoscenici per diversi anni e riapparsa con un nuovo EP (Bugbite Records/Prismopaco Digital). Dopo aver vinto diversi premi naziona...

LUCIUS – GOOD GRIEF: recensione

Nel 2013, la rivista Rolling Stone definiva i Lucius come “la miglior band che potreste non aver ancora ascoltato”. Se nel 2016 non l’avete ancora fatto… be’, vi state decisamente perdendo qualcosa di grosso....

Frankie Cosmos – Next Thing: recensione

Frankie Cosmos è il nome d’arte del progetto che nasconde Greta Kline, figlia di una coppia d’attori newyorkina, che sembra stia dando parecchie soddisfazioni alla ragazzina americana piuttosto prolifica, in ...

Labradors – The Great Maybe: recensione

Cantù è una Surf City come sostenevano i The Wavers qualche anno fà? Potrebbe anche essere, nonostante non ci sia il mare e i falò sulla spiaggia siano solamente un miraggio estivo. La cittadina brianzola è s...

Charles Bradley – Changes: recensione

Nel panorama musicale moderno, così impregnato di indie-rock, elettronica e pop pare difficile aspettarsi ancora la presenza di nuove uscite soul e funk. A farci tornare un bel po’ indietro negli anni ci ha p...