Il Culo di Mario – Tutti: Recensione

Iniziava nel maggio di quest’anno quello che, più che un solo lavoro di produzione e registrazione, si può definire un esperimento sociale basato sulla fiducia e sull’entusiasmo.  Uscito nel mese di ottobre, “T...
article placeholder

M.I.A. – AIM: Recensione

Classica ormai come Madonna e Frank Sinatra, M.I.A. con questo suo quinto disco consolida il grime con l’etnica e la dance, e si gioca tutte le sue carte: il ritmo e il tono a volte sono da combat rock, e quest...
article placeholder

White Lies – Friends: Recensione

"Friends" è il quarto aIbum dei White Lies, band londinese capitanata da Harry McVeigh e autocertificata come post- punk e indie-rock, che con questa incisione riporta in auge uno spirito new wave dai più perdu...
article placeholder

Elk – Ultrafun Sword: Recensione

Orfani dei favolosi anni Novanta, gioite. Alla loro seconda prova discografica, gli Elk da Vigevano sanno infatti come conquistare l'ascoltatore più raffinato trasportandolo all'interno delle sonorità prettamen...
article placeholder

Gli Sportivi – Fuzz Days: Recensione

Due spostati di Venezia hanno buttato fuori queste undici tracce con riferimenti agli anni ‘70, al distorto fuzz, all'effetto dell'alcool e al casino. Gli Sportivi sono Nicola Zanetti (batteria) e Lorenzo Petri...
article placeholder

Goat – Requiem: Recensione

La musica dei Goat è il continuo fluire di un rito tribale. Un rito che attraversa tutto il loro percorso artistico fino ad arrivare a questo terzo album, “Requiem”, uscito per la Sub Pop lo scorso 7 ottobre. L...
article placeholder

Dawes – We’re all gonna die: Recensione

Quando sono usciti allo scoperto con il loro primo album, North Hills, i Dawes sono stati subito etichettati come l’ennesima, nostalgica band country-rock: puntavano tutto su una voce rassicurante e una dolce c...
article placeholder

Drive By Truckers – American band: Recensione

Se in America esistesse qualcosa come il festival di Sanremo, i Drive By Truckers sarebbero dei partecipanti assidui, e spesso secondi: la loro "american music" è infatti ben attenta a restare nel solco della t...
article placeholder

Bol & Snah – So? Now?: Recensione

Bol è un trio prog rock scandinavo con tanto di eterea voce al servizio, quella della signora Tone Ase; Snah (Hans Magnus Ryan), il chitarrista fondatore di uno dei più grandi progetti musicali europei dell’ult...