Ryan Adams – Prisoner: Recensione

«Do you Still Love Me?», chiede la voce di Ryan Adams nel primo brano del suo ultimo lavoro in studio, "Prisoner". Si apre pieno di rabbia sofferta, come il ringhio di un predatore ferito che non ne vuole s...

Howe Gelb – Future Standards: Recensione

Pianoforte e voce, languidamente sdraiati su un tappeto di morbide percussioni e discrete corde: Howe Gelb accarezza i suoni e sussurra parole nel suo ultimo album “Future Standards”. Il leader dei Giant Sand i...
lou barlow

Lou Barlow – Apocalypse Fetish: Recensione

Lou Barlow non suona musica indie. Lou Barlow è una delle radici del suono indipendente, il fondamento forse di una cultura di un tormentato sottosuolo. Sicuramente ne è linfa vitale, con la sua intensa attivit...

Conor Oberst – Ruminations: Recensione

C’è Bob Dylan. E poi ci sono quelli che raccolgono la sua eco, che girano per il mondo tentando di imitarlo o sognando di superarlo. E poi c’è Conor Oberst, che sa suonare l’armonica ma ha scelto come comp...
article placeholder

White Lies – Friends: Recensione

"Friends" è il quarto aIbum dei White Lies, band londinese capitanata da Harry McVeigh e autocertificata come post- punk e indie-rock, che con questa incisione riporta in auge uno spirito new wave dai più perdu...

Yann Tiersen – EUSA: recensione

«Questa è la vera natura della casa: il luogo della pace; il rifugio non soltanto da ogni torto, ma anche da ogni paura, dubbio e discordia.» (J. Ruskin) Ci nasconde fiducioso le chiavi sotto lo zerbino, il ...
article placeholder

Public Access Tv – Never Enough: Recensione

Il fresco e deciso sapore d’altri rockeggianti tempi dell’album di debutto dei newyorkesi Public Access TV è catchy e decisamente convincente, una corroborante e ben definita ventata di quella musica che stava ...
article placeholder

Dodgy – What are we fighting for: Recensione

Il suono pieno e ritmato dei Dodgy torna a saturare il loro quinto e ultimo album "What Are We Fighting For". Dieci tracce maturate sull’albero della ormai lunga carriera della band inglese, simbolo...
article placeholder

La Femme – Mystère: Recensione

Un’oceanica aura elettronica e uno scorrere di sereno pop avvolgono "Mistère", secondo album di La femme, dopo l’esordio del 2013 con "Psycho Tropical Berlin". Marlon e Sacha, supportati dall’essenziale contrib...