parquet courts human performance

Parquet Courts – Human Performance: recensione

New York è l’attuale capitale mondiale, non solo economica ma anche artistica, sportiva e scientifica. Poco importa se l’egemonia statunitense rischia di essere surclassata da quella cinese in “breve” tempo. Pe...
masha qrella

Masha Qrella – Keys: recensione

Masha Qrella è la tipica musicista berlinese, si porta dietro lo stile artisticamente contaminato di questa città. Nella sua musica si possono ascoltare diversi generi ma soprattutto l’ electro/indie che caratt...
article placeholder

Senhal – Parapendio: recensione

Esordio ambizioso riuscito a metà per i Senhal, trio pugliese di belle speranze attivo nell'ambiente da solamente un biennio. Le ambizioni di cui sopra hanno infatti una doppia matrice: la prima, squisitament...

Punkreas – Il lato ruvido: recensione

Nel 2016 un disco dei Punkreas può aver ancora senso? Fosse fatto da una band giovane certamente sì: farebbe il piacere di noi vecchi che sapremmo che qualcosa nelle testoline là fuori ancora si muove. Fatto...

The Burning Hell – Public Library: recensione

The Burning Hell è il progetto musical-letterario di Mathias Kom, più che valido musicista canadese, qui alle prove con la sua settima pubblicazione. L'album è composto da otto brani che contemporaneamente s...

Poliça- United Crushers: recensione

I Poliça sono una di quelle band che dal vivo non stancano mai. Il basso raffinato di Chris Bierden, la doppia batteria di Ivascu e Christopherson, la voce imperfetta e sensuale di Channy Leaneagh, filtrata dal...