Backyard Babies – Silver & Gold: Recensione

A ben trent’anni dalla loro fondazione, i Backyard Babies arrivano al traguardo dell’ottavo album in studio. Come loro, in ambito rock'n'roll, probabilmente ci sono soltanto i Social Distortion: poche cose,...

Meat Puppets – Dusty Notes: Recensione

A cinque anni di distanza dal precedente album “Rat Farm”, tornano i Meat Puppets dei fratelli Kirkwood. La loro è stata una carriera imperniata sul crossover più assoluto fra i vari generi musicali, sull’a...

The Brian Jonestown Massacre – S/T: Recensione

Ci sono voluti ventinove anni e ventiquattro lavori stampati (fra album, EP e compilation) perché il buon vecchio Anton Newcombe, leader assoluto della band psichedelica californiana The Brian Jonestown Mas...

Motorpsycho – The Crucible: Recensione

Mettiamo bene in chiaro una cosa: anche se troverete scritto il contrario in molti siti internet, questo “The Crucible”, ventunesimo album in carriera per i Motorpsycho, non è un EP. Lo dimostrano gli oltre...

Weezer – Weezer (Black Album): Recensione

“Non buttiamoci giù” è un famoso libro di Nick Hornby, scrittore pop per eccellenza, nel quale i quattro protagonisti, conosciutisi all’ultimo dell’anno su un tetto dal quale avrebbero voluto lanciarsi per ...

Finister – Please, Take Your Time.: Recensione

I Finister sono una band fiorentina, ma dal cuore europeo, prettamente anglosassone. “Please, Take Your Time.” è il secondo album sulla lunga distanza (ben tre anni separano questo lavoro dall’esordio “Subu...

Ian Brown – Ripples: Recensione

C’è stato un tempo in cui per i giovani inglesi Ian Brown era un dio… E ci avevano visto abbastanza bene. Senza di lui, probabilmente, non ci sarebbe stato il brit-pop, gli Oasis, i Blur. Sono passati trent...