Via Smoke – Inspiration: recensione

Nati dalle ceneri dei Radio Reggae, i Via Smoke sono una delle più promettenti realtà lombarde affiliate alla musica reggae. Fra aperture di livello (basti il nome di Alborosie su tutti) e vari cambi di line up...

Band Of Horses – Why Are You Ok: recensione

Un esordio prezioso (“Everything All the Time” di un decennio fa), il giusto successo commerciale, uno sbandamento di corsia ed un pronto rientro in carreggiata con questo nuovo “Why Are You Ok”. Così potremmo ...

Mezzo Preti – Mezzo Preti EP: recensione

Folk pop cantautorale elettronico scomodo. Gli aggettivi venuti in mente dall'ascolto delle quattro canzoni componenti l'esordio del duo milanese nato dall’unione artistica tra Annaluisa Giansante (in arte Anna...

Le Chiavi del Faro – Dentro: recensione

Nome progressive anni Settanta, copertina pop psichedelica, egocentrismo tecnico musicale di chi ancora non ha conosciuto il punk: questi i tre caratteri fondamentali che ci aiutano a ben delineare i confini ...

Modern Baseball – Holy Ghost: recensione

I Modern Baseball sono una band emo punk proveniente da Philadelphia in Pennsylvania negli Stati Uniti d'America, esistono da cinque anni, hanno almeno un grande successo (nel genere) alle spalle quale il singo...

Mulbö – Mulbö: recensione

Un viaggio introspettivo claustrofobico e allucinato è quello che promettono i torinesi Mulbö a partire dall'artwork del loro album omonimo di debutto. I mezzi necessari a questo tour nell'inconscio ce li met...

SAID – Istruzioni per loser: recensione

Quando sento una band genuinamente rock io godo. Quando ho sentito “Istruzioni per loser” dei SAID io ho goduto. Band modenese attiva dal 2002 con questo sesto lavoro i SAID, per la prima volta in power trio,...

Moderat – III: recensione

Sono in ritardo. In maledetto ritardo. In un ritardo quasi imperdonabile. La verità è che mi sentivo in soggezione di fronte a tanta bellezza, così rimandavo continuamente la scrittura della recensione non sa...