dade-city-days-recensione

Dade City Days – VHS: recensione

VHS è l’album d’esordio del trio bolognese Dade City Days ed è uscito il 5 febbraio per l’etichetta Dark Swiss Nights Records.Quant’è bella giovinezza, sempre in bilico tra la fuga dalla realtà e la sfida sfron...
silence exile and cunning

Silence Exile and Cunning – On: recensione

I Silence Exile and Cunning, giovane quartetto indie rock “de no atri”, hanno un sogno: prendere di peso l'underground americano anni Ottanta e trasportarlo, fedelmente o quasi, in terra lombarda. Il 5 febbraio...

De Rosa – Weem: recensione

Weem, dei De Rosa, è un bel disco! Non esaltante, ma bello sì. Un album che mentre lo ascolti non trovi nulla che sia fuori posto o fuori fuoco, che potrebbe durare due ore come il tempo di una sigaretta e in o...

Parade of Malice – ZMan: recensione

Parade Of Malice è l'ultimo lavoro di Stefano Tocchi, giovane artista romano che cova da qualche anno il progetto ZMan, ovvero l'idea di un sound modernistico seppur  improntato ai suoi eroi di sempre, agli uom...
sun-kil-moon-the-carousel

Sun Kil Moon – Jesu: recensione

I Red House Painters di Mark Kozelek non sono mai stati così lontani. Dimenticati, a tratti rinnegati. Difficile accettarlo. Ma è molto più complicato ammettere che due poli opposti possano davvero attrarsi. De...
Schermata 2016-02-03 alle 01.17.55

I Cani – Aurora: recensione

Quando ascoltai per la prima volta I Cani, li trovai spocchiosi. Non capivo dove sconfinasse la presa in giro e da dove prendesse veramente forma la loro identità artistica. Mi convinsi ad andare ad un loro con...