In attesa dell’uscita del loro primo album, prevista il 22 febbraio 2020, i Lowinsky sono tornati con un nuovo singolo. Bandiera, pubblicata il 20 dicembre scorso per l’etichetta Moquette Records e distribuita da Artist First, è una ballad semiacustica che si sviluppa morbida attorno all’accompagnamento della chitarra e della sezione ritmica. Il testo racconta la fine di una storia, a cui guardare con un sorriso amaro e una manciata di rimpianti. Le sensazioni e i ricordi di chi si volta indietro e prova a tirare le somme di una storia conclusa.
 

 

Un brano piĂą intimo, dunque, dalle tinte lievemente piĂą cantautorali rispetto all’Ep d’esordio uscito nel 2017, oltre naturalmente alla cover del brano Divan degli Smudge, mitica band indie-pop australiana che ha avuto il suo periodo di gloria negli Anni ’90. E proprio a quel decennio (Lemonheads, Nada Surf, Ash) continuano a guardare i Lowinsky, che per chi non li conoscesse sono Carlo Pinchetti (chitarra e voce), Davide Tassetti (basso) e Andrea Melesi (batteria).
 
Nata dal sottobosco indie-rock lombardo, la band si è riunita per la prima volta nel 2016. Concluse le esperienze con Finistère e Sweet&Divine, Carlo e Andrea, ai quali si è poi aggiunto Davide, hanno deciso di provare a concretizzare alcune idee ancora inespresse. L’intera produzione del nuovo disco, che sarĂ  intitolato “Oggetti Smarriti”, è affidata a Giacomo Corpino di Whale Audio, conosciuto da Carlo anni prima all’Edonè di Bergamo, dove lavorava come fonico alla sua serata, The Exhibition Night.