Pond – Tasmania: Recensione

Per un pomeriggio festivo proprio niente male. Non ci si riferisce al dolce preparato dal parentado e prontamente rifilato ai nipoti in ansia di mangiarne a vagonate. Piuttosto seduti in soggiorno comodi ab...

Backyard Babies – Silver & Gold: Recensione

A ben trent’anni dalla loro fondazione, i Backyard Babies arrivano al traguardo dell’ottavo album in studio. Come loro, in ambito rock'n'roll, probabilmente ci sono soltanto i Social Distortion: poche cose,...

Karen O & Danger Mouse – Lux Prima: Recensione

  Prendi uno come Danger Mouse, al secolo Brian Joseph Burton: polistrumentista e produttore, che gran parte di quel che ha toccato negli ultimi 15 anni se non l’ha trasformata in oro, poco ci manca.&...

Meat Puppets – Dusty Notes: Recensione

A cinque anni di distanza dal precedente album “Rat Farm”, tornano i Meat Puppets dei fratelli Kirkwood. La loro è stata una carriera imperniata sul crossover più assoluto fra i vari generi musicali, sull’a...

Yak – Pursuit Of Momentary Happiness: Recensione

  Dopo l’esplosivo debutto del 2016 con “Alas Salvation”, gli Yak riescono a superarsi con la pubblicazione di "Pursuit Of Momentary Happiness", impresa a dir poco ardua visto l’eccellente esordio. Il...

The Brian Jonestown Massacre – S/T: Recensione

Ci sono voluti ventinove anni e ventiquattro lavori stampati (fra album, EP e compilation) perché il buon vecchio Anton Newcombe, leader assoluto della band psichedelica californiana The Brian Jonestown Mas...

Ry X – Unfurl: Recensione

Ci sono momenti in cui tutto appare pesante e vorresti essere lontano. Lontano dalle colonne di auto, dalle idiozie radiofoniche, dalle idee che non riesci proprio a condividere. Lontano dalle giustificazio...

Millencolin – SOS: Recensione

Svezia – Örebro, immaginariamente siamo presso i Soundlab Studios, quartier generale dei Millencolin: Nikola Sarcevic (frontman/basso), Mathias Färm (chitarra), Erik Ohlsson (chitarra) e Frederik Larzon (ba...