Altro giro, altra corsa. Dieci anni di silenzio da “Varshons” del 2009, un album di cover buono soprattutto per misurare il polso a Evan Dando e compagnia, ed ecco che lo scorso 8 Febbraio è uscito un altro lavoro: “Varshons 2”. Oh là là, che originalità. E se ci fossero dubbi, sì, è un’altra raccolta di cover.

Ci prova Dando, almeno quello: rivede Can’t Forget di casa Yo La Tengo, passa per Abandoned di Lucinda Williams cercando di arricchirla con qualche distorsione sullo sfondo, chiude con Straight To You di Nick Cave & The Bad Seeds e il superclassico Take it Easy a firma The Eagles.

Quindi, notizie positive: Dando è vivo, gioca sull’effetto nostalgia e su una buona esecuzione dei brani, con altrettanta ammirevole sobrietà (e non è poco, visto il soggetto) nel dedicarvisi e senza stuprarne l’essenza. Il polso c’è, insomma.

Notizie meno positive: nessun particolare valore aggiunto ai brani reinterpretati, e si parla comunque di una band che con Mrs. Robinson ha tratto uno dei suoi dadi migliori e catalizzato attenzioni in lungo e in largo negli anni 90. Questa raccolta servirà probabilmente come apripista per prossimi concerti e, magari, a qualcosa a firma Lemonheads che sarebbe davvero un qualcosa di gradito: così non fosse, il posto fatto più a misura per questo “Varshons 2” rischia davvero di essere quello del cassetto dove si dimenticano le cose inutili.

Anban