Ritorna “5 Canzoni Bomba”, la rubrica in cui vi segnaliamo le cinque migliori canzoni uscite nell’ultima settimana. Manca sempre meno all’inizio ufficiale dell’estate e ancora non abbiamo un tormentone latino da incoronare vincitore: la rubrica potrebbe concludersi qui, ma la verità è che le buone notizie non sono finite: per cui ecco cinque canzoni assolutamente da non perdere o riascoltare.

 

Bob Mould – American Crisis

Bob è tornato ed è veramente incazzato. I fatti degli Stati Uniti devono avergli chiuso qualche vena e non solo a lui. Il suo modo di protestare è come sempre quello di imbracciare una chitarra, urlare e, se capita, scrivere un pezzo generazionale. Sarà di nuovo questo il caso? Se così non fosse, non temete: ha scritto un intero album di protesta e uscirà a settembre. Quando si dice “canta che ti passa”.

 

LA Priest – Rubber Sky

Sam Eastgate, concluso ormai da tempo il progetto Late of the Pier, che molti indiekid ricorderanno con affezione, torna a pubblicare roba con il suo moniker LA Priest. Il secondo disco si chiama “GENE”, così come la drum machine da lui costruita e con cui ha registrato i pattern delle nuove composizioni. Un approccio veramente DIY il cui risultato sono tinte funk, una sorta di incrocio tra Ariel Pink e Aphex Twin, rimanendo però nelle lande di Hot Chip e compagni. Può sembrare plasticoso, ma l’ascolto procede senza noia, ed è quello che forse gli si richiede.

 

Rolling Blackouts Coastal Fever – Cameo

Si era già parlato di “Sideways to New Italy”, il nuovo disco dei RBCF, che oggi teniamo tra le mani, in occasione dell’uscita dell’ottimo primo singolo Cars In Space. Quella canzone ci aveva gasato: una cavalcata indie-rock di 5 minuti con chitarre che si inseguono senza sosta. Con un filo di delusione ci accorgiamo che non tutte le tracce del disco tengono alto questo tiro, ma se non altro rivelano elementi di scrittura più studiati che non prescindono dal grande ritornello, come questa Cameo. Un secondo disco “more of the same”, di passaggio, ma che non fa che confermare la bontà del quintetto australiano.

 

Frank Turner – Bob

Attenzione arriva l’album split Frank Turner/NOFX. Avrà il divertente titolo “West Coast vs Wessex”, uscirà ovviamente per Fat Wreck Records e sarà interamente composto di cover: Frank Turner farà canzoni dei NOFX e viceversa. Si comincia col doppio singolo in cui i NOFX interpretano un classico minore del canzoniere turniano Tatcher Fucked the Kids e Frank Turner invece la famosa Bob, qui proposta. Anche i video contengono citazioni al contrario, il che rende il tutto ancora più spensierato ma con un buon livello di cura formale.

 

Tropea – Technicolor

Quota italiana della settimana riservata ai milanesi Tropea, che pubblicano, finalmente è il caso di dire, uno dei loro cavalli di battaglia in sede di live, a metà tra inglese e italiano, tra punk e italo-disco, tra serio e faceto. Siamo sicuri che il pezzo continuerà a spaccare dal vivo, ma almeno da adesso sarà possibile suonarlo altrove, serate a tema, djset, in macchina, sotto la doccia ecc. ecc.

A cura di Andrea Fabbri