Ritorna con grande entusiasmo “5 Canzoni Bomba”, la rubrica in cui vi segnaliamo i cinque brani usciti questa settimana che vi faranno sobbalzare sulla sedia se ancora non li avete sentiti. Se invece li avete già sentiti, sobbalzerete comunque al grido “io lo dicevo che questa era una bomba!”. In ogni caso, speriamo di appagare la vostra sete di bombette. And the Oscar goes to…

 

CHVRCHES – He Said She Said

Ritorna una delle band con il nome più odiato dai cronisti, almeno quelli che non copia-incollano i comunicati. Gli scozzesi CHVRCHES, a distanza dal poppettone di “Love is Dead”, propongono un nuovo singolo in cui la loro cifra stilistica, sempre apprezzata, non viene meno. C’è qualcosa nella loro musica che fa sempre tornare indietro sentimentalmente di qualche anno, ancora più indietro del 2013, anno del loro debutto ufficiale, saranno quelle vibes di malinconia da fine estate che hanno sempre saputo suscitare. Anche questa canzone sa dove colpire, dritta al cuore.

 

Sons of Kemet – To Never Forget the Source

Un sassofono, una tuba, due batterie. I Sons of Kemet, anch’essi debuttanti nel lontano 2013, hanno sicuramente una formazione atipica che li contraddistingue, ma tutto il resto della fama guadagnata sul campo è dovuta ai grandi dischi che hanno saputo confezionare negli ultimi 8 anni, specialmente l’ultimo del 2018. Il secondo singolo estratto da quello che sarà il prossimo e quarto lavoro presenta in verità qualche trucchetto di orchestrazione che non toglie nulla però al groove del quartetto jazz. Shabaka sfodera uno dei suoi riff di sax, ossessivi e incontenibili, la tuba soffia a tutto spiano e gonfia i bassi, le batterie creano il solito groove ipnotico.

 

A Place to Bury Strangers – End of the Night

Altro gradito ritorno. Ebbene no, non si tratta di una cover dei Doors, ma della solita sferragliata degli APTBS, che innalzano un granitico muro di chitarre e synth nonostante il radicale cambio di formazione, dacché la band cambia per 2/3. Nuovo EP e tour in arrivo che farà soste anche in Italia il prossimo marzo, a Bologna, Roma e Milano. L’augurio, quello più sincero, è di potervi partecipare. A questi concerti come a tanti altri.

 

The Chemical Brothers – The Darkness That You Fear

A proposito di auguri, brano ricco di speranza e incoraggiamento il nuovo dei Chemical Brothers, note positive permeano tutta la composizione giocata su influssi psichedelici tipici del duo britannico. Credo che nessuno pretenda più  da loro la hit sfascia-pista, purché la loro nuova musica coincida con occasioni per assistere a un loro spettacolo. Se poi, come in questo caso, la musica è un aiuto per buttarsi alle spalle qualcosa di brutto, perché no.

 

Colapesce, Dimartino – Musica Leggerissima (Cerrone Remix)

Dicevamo di hit, di mina… Il vincitore morale di Sanremo ormai furoreggia da quasi due mesi. I due cantautori siciliani sembrano non voler frenare il meritato successo, così ecco che viene gettata nella mischia anche una versione remix e con che firma! Rework di Cerrone, la leggenda disco/house che influenza chiunque da una quarantina d’anni, che sa già di definitivo e che probabilmente sentiremo nei più disparati contesti per tutta l’estate. Forse. Speriamo.

A cura di Andrea Fabbri

 

Riascolta tutte le canzoni bomba alla nostra playlist: