doves nuovo disco recensione

Doves – The Universal Want: Recensione

I britannici Doves sono tornati con il loro quinto album, "The Universal Want". La band, in bilico tra underground  e mainstream, è riuscita a conquistare per ben due volte la vetta della classifica br...

Travis – 10 Songs: Recensione

La premessa fondamentale è che gli eterni nostalgici, appena mettono nel mirino un nome che ebbe un buon risalto negli Anni ’90, sono stuzzicati a puntino. E lo scrivente appartiene senza vergogna alcuna al...

Jarv Is… – Beyond the Pale: Recensione

Quando nel 2017 Jarvis Cocker mise insieme i Jarv Is… per suonare al Norður og Niður dei Sigur Rós, l’intento era quello di creare un progetto che suonasse esclusivamente dal vivo, costruendo i brani in sim...
i love the new sky

Tim Burgess – I Love the New Sky: Recensione

Tim Burgess è il leader dei Charlatans, band brit-pop troppo poco conosciuta in Italia, ma che ha scritto pagine importanti del genere, soprattutto nei magnifici anni Novanta. “I Love the New Sky” è il quin...

Liam Gallagher – Why Me? Why Not.: Recensione

Perché Liam Gallagher? Perché no. "Our kid" è stato il frontman di una delle più grandi band degli anni Novanta, gli Oasis, e successivamente ha vissuto periodi che definire grigi è un eufemismo. Ma… Sono pa...

James – Living in Extraordinary Times: Recensione

I James sono decani dell’indie-pop. In questo nuovo disco, "Living in Extraordinary Times", mantengono i loro tradizionali suoni saturi e tronfi, ma imbastiscono melodie e armonie che si allontanano dal classic...

Nostalgici del Brit-Pop prenotate i voli

Si riuniscono gli Sleeper e lo fanno in occasione di un culto di massa per tutti i nostalgici del brit-pop, lo Star Shaped Festival, organizzato per quest’estate dall’omonimo club londinese. Si tratta di un fes...