heisenberg band

Heisenberg – Lunazione: Recensione

"Lunazione" è il terzo capitolo della storia degli Heisenberg, uscito a sette anni di distanza da "Caporetto". La band, formata nella Roma punk hardcore del 2010, è composta da Matteo Cellini (voce), Massim...

Tv Priest – Uppers: Recensione

Che la scena post-punk in terra d’Albione stia vivendo un momento di particolare e fiorente fermento è sotto gli occhi di tutti: IDLES, Fontaines D.C., Shame, Murder Capital, se non coetanei sono comunque c...

Goat Girl – On All Fours: Recensione

Da selvagge amazzoni a misteriose streghe il passo è breve. Precisamente le Goat Girl ci hanno messo solo un lustro per compiere la loro evoluzione. La rabbia stridente del singolo d’esordio Country Sleaze ...

Shame – Drunk Tank Pink: Recensione

Ci sono voluti più o meno sei mesi, ma alla fine, con questo "Drunk Tank Pink", abbiamo tutti e tre gli album delle nuove promesse del rock britannico. Insieme a Fontaines D.C. e Idles, gli Shame erano...

Viagra Boys – Welfare Jazz: Recensione

Cinque anni di vita e due album pubblicati sono bastati ai Viagra Boys per assurgere al ruolo di band di culto. Provate a fare un salto sulla loro pagina Facebook, troverete un servizio fotografico ad opera...

Crack Cloud – Pain Olympics – Recensione

Primo vero e proprio album (il precedente era in fin dei conti l'unione dei precedenti EP) per l’eccentrico collettivo di Vancouver che risponde al nome di Crack Cloud, nato dalla mente del batterista e can...

Pozi – 176: Recensione

Dopo il succoso esordio sulla lunga distanza dello scorso anno, ecco ancora gli inglesi Pozi con questo EP di 5 tracce intitolato "176". La peculiarità del terzetto londinese è sicuramente il violino di Ros...
idles recensione

Idles – Ultra Mono: Recensione

Introduzione: la chiamata alle armi Avete presente l'espressione tipica di Joe Talbot mentre canta? Occhi spalancati, sopracciglia aggrottate. Paonazzo da far paura. Il baffone biondo disegna un ferro di cav...

Protomartyr – Ultimate Success Today: Recensione

Anche se molto probabilmente non è all’altezza del predecessore “Relatives in Descent”, oggettivamente vicino allo status di capolavoro, questo “Ultimate Success Today”, quinto lavoro dei Protomartyr, confe...