Crack Cloud – Pain Olympics – Recensione

Primo vero e proprio album (il precedente era in fin dei conti l'unione dei precedenti EP) per l’eccentrico collettivo di Vancouver che risponde al nome di Crack Cloud, nato dalla mente del batterista e can...

Pozi – 176: Recensione

Dopo il succoso esordio sulla lunga distanza dello scorso anno, ecco ancora gli inglesi Pozi con questo EP di 5 tracce intitolato "176". La peculiarità del terzetto londinese è sicuramente il violino di Ros...
idles recensione

Idles – Ultra Mono: Recensione

Introduzione: la chiamata alle armi Avete presente l'espressione tipica di Joe Talbot mentre canta? Occhi spalancati, sopracciglia aggrottate. Paonazzo da far paura. Il baffone biondo disegna un ferro di cav...

Protomartyr – Ultimate Success Today: Recensione

Anche se molto probabilmente non è all’altezza del predecessore “Relatives in Descent”, oggettivamente vicino allo status di capolavoro, questo “Ultimate Success Today”, quinto lavoro dei Protomartyr, confe...
fontaines d.c. recensione

Fontaines D.C. – A Hero’s Death: Recensione

Un lieve giramento di testa, sudore freddissimo, il terrore di precipitare in un buco nero. Nella musica dei Fontaines D.C. c'è qualcosa di malato e deviante. Un ingrediente oscuro, viscido al tatto, che co...

Pottery – Welcome to Bobby’s Motel: Recensione

“Welcome to Bobby’s Motel” è il biglietto da visita dei Pottery. A onor del vero, la giovane band canadese aveva già all'attivo un EP di sette brani pubblicato lo scorso anno, ma è con questo nuovo disco ch...

Cable Ties – Far Enough: Recensione

A tre anni dall’esordio omonimo, ecco tornare i Cable Ties. “Far Enough” conferma appieno le grandi qualità della band australiana: una forte voce, attiva molto anche nel sociale, su una base punk che guard...

Wire – Mind Hive: Recensione

Nel 1977 i Wire pubblicano il capolavoro punk “Pink Flag”, ma la band londinese è talmente punk da far dire al leader Colin Newman: «Non eravamo amici dei Sex Pistols. Comunque di gruppi come loro ce n’eran...

B Boys – Dudu: Recensione

Un passo indietro, due avanti. Perché con questo "Dudu", i punk-rocker newyorkesi decidono di tornare a quell’impostazione volutamente sciatta e lo-fi degli esordi, mettendo da parte la pettinatura più ordi...

Pere Ubu -The Long Goodbye: Recensione

“Il lungo addio” è un romanzo di Chandler dove Marlowe fa i conti con l’amicizia, la fedeltà, il perdono e il silenzio. È un libro che puzza di disillusione, ma anche di accettazione del tempo che passa e d...