Gli Smokescreens sono una band indie-pop californiana giunta al terzo album con questo “A Strange Dream”, uscito recentemente per l’etichetta Slumberland. Il disco √® prodotto dal mitico David Kilgour dei The Clean ed √® ispirato alle sonorit√† dei Go-Betweens. Purtroppo √® composto da appena otto tracce, un po’ poche per permettere all’ascoltatore di fruire delle capacit√† della band.

Il lavoro del trio losangelino si apre con Fork In The Road, un brano con echi di Beach Boys, chitarre sorridenti e un occhiolino ai Vampire Weekend. Streets of Despairs ha un suono indie fatto di melodie semplici, mentre la cramberriesiana I Want To Know √® un’onda che non s’infrange mai.

Il momento della ballata √® affidato a Nighttime Skies. I Love Only You, con i suoi ricordi Anni ’80 e il cantato alla Velvet Underground andrebbe bene in spiaggia davanti a un fal√≤ che sta per spegnersi. Con On and On lo spirito gioioso della chitarra rianima il suono rock. Pick the Cats Eyes Out, infine, ci porta a ballare per assicurarci di essere ancora vivi.

“A Strange Dream” √® un disco in cui suona tutto molto simile, spensierato, leggero e da gustare senza pretese.

Nicandro Crolla