E’ la mattina di Natale, le città si svegliano, le case addobbate, le strade semi deserte. Siete reduci da venti giorni di fuoco, pranzi, cene, incontri con parenti lontani e tombolate potrebbero rendervi intolleranti. Troverete sempre un motivo in più per odiare la festività più attesa al mondo. Scopriamo insieme 5 motivi per coltivare questo sentimento e poi vi forniamo una cura per placare la vostra rabbia e rimettervi in equilibro.

Buonismo gratuito diffuso – Perché fare gli auguri a tutti i costi, anche se non sono davvero sentiti? Certe persone vivono sulo su whatsapp e si manifestano con MEME che definire di cattivo gusto sarebbe un complimentone

Ricevere regali brutti – Natale è anche l’apoteosi del riciclo dei regali. Ci sarà sempre la cugina o la zia che sceglierà un regalo davvero brutto. La tua risposta sarà puntualmente “Ah, grazie, ma non dovevi”, perché davvero se lo sarebbe potuto risparmiare.

Il cinepanettone – Il funerale dell’intelligenza, ogni anno in tutte le sale l’ennesima cafonata comica-demenziale che miracolosamente continua a fare bottighino. Salviamo solo Yuppies e Yuppies 2….

“Che fai a Capodanno?” – E’ la classica domanda che inizia a girare pesante e ci tormenta da inizio dicembre, Vi invitiamo a rispondere così “schifo, come te

Eccovi dunque la nostra fantastica compilation per reagire a tutto ciò! Si chiama “Renne che non decollano, appesantite delle rate del Mutuo a tasso variabile” e la potete ascoltare qui

Tanti Auguri, eh!