Mezzo Preti – Mezzo Preti EP: recensione

Folk pop cantautorale elettronico scomodo. Gli aggettivi venuti in mente dall'ascolto delle quattro canzoni componenti l'esordio del duo milanese nato dall’unione artistica tra Annaluisa Giansante (in arte Anna...

Le Chiavi del Faro – Dentro: recensione

Nome progressive anni Settanta, copertina pop psichedelica, egocentrismo tecnico musicale di chi ancora non ha conosciuto il punk: questi i tre caratteri fondamentali che ci aiutano a ben delineare i confini ...

Modern Baseball – Holy Ghost: recensione

I Modern Baseball sono una band emo punk proveniente da Philadelphia in Pennsylvania negli Stati Uniti d'America, esistono da cinque anni, hanno almeno un grande successo (nel genere) alle spalle quale il singo...

Mulbö – Mulbö: recensione

Un viaggio introspettivo claustrofobico e allucinato è quello che promettono i torinesi Mulbö a partire dall'artwork del loro album omonimo di debutto. I mezzi necessari a questo tour nell'inconscio ce li met...

Alkene – Etere: recensione

Etere, secondo album dei triestini Alkene, continuando il lavoro già intrapreso in passato, deve la sua esistenza alla consapevolezza dei quattro musicisti capitanati dal cantante Elvio Carini di voler rendere ...

Radiohead – A Moon Shaped Pool: recensione

No, non è il caso di addentrarsi nella discussione sterile e forse un po’ noiosa su quanto i Radiohead siano stati geniali, oppure soltanto ruffiani, nel promuovere l’uscita di “A moon shaped pool”. E non è nem...

SAID – Istruzioni per loser: recensione

Quando sento una band genuinamente rock io godo. Quando ho sentito “Istruzioni per loser” dei SAID io ho goduto. Band modenese attiva dal 2002 con questo sesto lavoro i SAID, per la prima volta in power trio,...

Moderat – III: recensione

Sono in ritardo. In maledetto ritardo. In un ritardo quasi imperdonabile. La verità è che mi sentivo in soggezione di fronte a tanta bellezza, così rimandavo continuamente la scrittura della recensione non sa...