Fil Bo Riva – Beautiful Sadness: Recensione

Alzarsi il lunedì alle 6 del mattino, dopo essere andati a "dormire" con l'incubo di doverlo effettivamente fare, diciamocelo, non è affatto piacevole. Superato il trauma momentaneo (ma più che persistente)...

Auroro Borealo – S/T: Recensione

  Premessa doverosa. Io Auroro Borealo non lo conoscevo. Ma quando mi hanno chiesto di fare la recensione del suo disco mi son detto, beh, ok che ormai i nomi d’arte stanno raggiungendo vette altiss...

Backyard Babies – Silver & Gold: Recensione

A ben trent’anni dalla loro fondazione, i Backyard Babies arrivano al traguardo dell’ottavo album in studio. Come loro, in ambito rock'n'roll, probabilmente ci sono soltanto i Social Distortion: poche cose,...

The Brian Jonestown Massacre – S/T: Recensione

Ci sono voluti ventinove anni e ventiquattro lavori stampati (fra album, EP e compilation) perché il buon vecchio Anton Newcombe, leader assoluto della band psichedelica californiana The Brian Jonestown Mas...

Ry X – Unfurl: Recensione

Ci sono momenti in cui tutto appare pesante e vorresti essere lontano. Lontano dalle colonne di auto, dalle idiozie radiofoniche, dalle idee che non riesci proprio a condividere. Lontano dalle giustificazio...

Millencolin – SOS: Recensione

Svezia – Örebro, immaginariamente siamo presso i Soundlab Studios, quartier generale dei Millencolin: Nikola Sarcevic (frontman/basso), Mathias Färm (chitarra), Erik Ohlsson (chitarra) e Frederik Larzon (ba...