Stasera, 8 aprile, Il Pan del Diavolo è in arrivo alla Latteria Molloy di Brescia per presentare l’ultima fatica, “Supereroi”, pubblicato lo scorso febbraio. Siamo sicuri che in scaletta non mancheranno molti dei brani estratti dall’ultimo album, a partire dal singolo apripista Tornare da te (di cui Piero Pelù è co-produttore), ai pezzi più forti (Aquila solitaria, L’amore che porti o Strisce). In generale, con quattro dischi all’attivo è proprio il caso di dire che il duo folk-rock di Palermo ha letteralmente l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda le canzoni da suonare dal vivo.

Andando un po’ a ritroso nel tempo, però, ecco cinque canzoni che ogni loro fan vorrebbe sentire almeno una volta a un loro live e che non sempre vengono suonate. Lanciamo la sfida a Pietro e Gianluca? Ci proviamo.

1. Coltiverò l’ortica (Il pan del diavolo, 2009)
Qui si va a pescare dal loro primissimo EP, quando avevano ancora un sound acerbo ma già riconoscibilissimo.

2. I fiori (Il pan del diavolo, 2009)
Anche per questa chicca si va ad attingere a piene mani dall’EP omonimo.

3. Scarpette a punta (Sono all’osso, 2010)
Una favola folk.

4. Elettrica (Piombo, polvere, carbone, 2012)
Il ritorno al rock’n’roll primordiale.

5. Io mi do (FolkRockaBoom, 2014)
Potenza e cuore da cantare a squarciagola nel cuore della notte.

A cura di Caterina Gritti