Ty Segall – S/T: Recensione

Ty Segall, unico vero erede nel mondo garage rock del prematuramente scomparso Jay Reatard (sempre sia lodato), si toglie la maschera dopo l'avventura con i Muggers dello scorso anno e lascia da parte la sp...

Ryan Adams – Prisoner: Recensione

«Do you Still Love Me?», chiede la voce di Ryan Adams nel primo brano del suo ultimo lavoro in studio, "Prisoner". Si apre pieno di rabbia sofferta, come il ringhio di un predatore ferito che non ne vuole s...

Grandaddy – Last Place: Recensione

Mi costa davvero molto ammetterlo, e vorrei non fosse mai successo, ma c'è stato un periodo della mia vita in cui anche io ho guardato "Tre metri sopra il cielo". E quale ragazza in piena fase adolescenzial...
night moves

Night Moves – Carl Sagan Ep: Recensione

A sei miliardi di chilometri oltre l'orbita di Plutone, la Terra è un puntino azzurro quasi impercettibile. A fotografarla da lassù, più o meno ventisette anni fa, fu la sonda della Nasa "Voyager 1". L'idea...

Scandinavian Love: 10 motivi per aprire le orecchie

Questa è una settimana particolare a Milano. Il vento gelido che sentite sulla pelle, soffia da nord. Da giovedì al Teatro Parenti prende il via I Boreali, un festival di cultura Scandinava che abbraccia cinema...

The XX – I See You: Recensione

Dopo 5 anni di attesa, il trio inglese The XX è finalmente tornato con un nuovo album, “I See You”. Al contrario dell'album d'esordio omonimo e di “Coexist”, qui i testi sembrano essere più importanti e ogni br...

Foxygen – Hang: Recensione

Quinto album in dieci anni per la sconvolta (e sconvolgente) band californiana in mano al duo Jonathan Rado-Sam France. Una carriera decennale all'insegna dell'eccesso: eccessivo era il numero di brani del loro...