Quella di Axel Flòvent, giovane musicista pop-folk islandese, è una storia fatta di continue partenze e ritorni. Nato e cresciuto nel piccolo villaggio di pescatori Húsavík, nel 2015 ha registrato il suo primo EP “Forest Fires”, influenzato da artisti come Bon Iver e Bombay Bicycle Club. A 19 anni ha lasciato il suo paese per andare a vivere ad Amsterdam. In Olanda, però, si sentiva tremendamente solo. Così ha deciso di trasferirsi a Brighton, in UK, dove nel 2018 ha registrato l’EP “Youthful Hearts”, che contiene il singolo Years.

Il periodo trascorso a Brighton, infine, ha dato ad Axel la lucidità per tornare nella sua Islanda e stabilirsi a Reykjavìk. Proprio la città islandese è stata l’ispirazione principale per il suo primo full lenght album, “You Stay By The Sea”, in arrivo nel 2020 per Nettwerk. Come a creare delle nuvole sonore dagli elementi naturali che lo circondano, in questo nuovo disco la musica convoglia chitarre acustiche, pianoforte e una calda elettronica dentro una nebbia ipnotica.

Axel spiega: «It’s so quiet. There are so many times where the silence is so still. In Reykjavík, we have a lot of emotional and mind space. My path to the studio and running trail are just by the ocean, so I’m always by the sea, hence the title. When I moved back in late 2018, I felt settled. I wasn’t looking for anything anymore. I finally appreciate home and see the beauty in it».

Qui potete ascoltare in anteprima il singolo Tourist, che è il primo passo di questo nuovo racconto, Axel canta: «Maybe you’ll find it», dove quel “it” può essere qualsiasi cosa. Per lui è “casa”.

 

Post correlati