Pompei: un luogo senza tempo, surreale, magico, sospeso. Un luogo perfetto per un concerto dei Pink Floyd. Così pensò il regista Adrian Maben che convinse la band di David Gilmour e Roger Waters nel 1971 a filmare un concerto live all’interno dell’Anfiteatro Romano. Ne nacque Pink Floyd: Live at Pompeii (1974), rokumentary EPICO. 45 anni dopo la magia si ripete: David Gilmour, infatti, suonerà live a Pompei il 7 e 8 luglio.

Un’operazione complessa, sicuramente spinta da molteplici interessi, fra i molti il desiderio di tutelare Pompei antica, Patrimonio dell’Umanità in continuo rischio. Non a caso a dare la notizia del concerto è proprio il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, che scrive in un tweet: “Accordo raggiunto. Dopo 45 anni David Gilmour tornerà a suonare a Pompei il 7 e l’8 luglio”.

Dopo questa data David Gilmour suonerà all’Arena di Verona per un’altra doppia data, i prossimi 10 e 11 luglio.

A cura di Francesca Arceri