Il nuovo disco dei Red Hot Chili Peppers, undicesimo lavoro in studio che segnerà il ritorno della band con il “The getaway”  il prossimo 17 giugno, non doveva essere l’album previsto per l’uscita.
In una nuova intervista rilasciata a KROQ, storica stazione radio statunitense, il frontman Anthony Kiedis ha dichiarato che la lavorazione del disco è stata alquanto ardua. Infatti, ha raccontato che era già stato scritto un intero album, i cui brani, però, poi sono stati tutti scartati, tenendo conto anche dei suggerimenti del produttore Danger Mouse. Cestinando tutto, hanno ricominciato da capo e hanno realizzato quello che è “The getaway”.

Kiedis ha spiegato:

“Abbiamo avuto un’esperienza stranamente dura nel realizzare questo disco. Abbiamo scritto 20 o 30 canzoni e sembrava tutto pronto. Pensavamo di avercela fatta – poi Flea facendo snowboarding si è rotto in malo modo un braccio. All’epoca poi non avevamo neppure un produttore, per cui eravamo un po’ persi nel gestire tutti quei brani. Quando il polverone si è abbassato, è spuntato Danger Mouse che ci ha detto: “Andiamo a fare un disco”. E noi pensavamo: “Grandioso, abbiamo un sacco di pezzi!”. Ma lui ci ha detto: “Lasciateli perdere. Andiamo a scrivere delle nuove canzoni in studio. E abbiamo ricominciato tutto da zero.”

 Qualche giorno fa, con un semplice tweet, è stata rotta l’attesa ed è uscito il primo singolo, “Dark necessities”.

 

Inoltre, i Red Hot Chili Peppers saranno in Italia l’8 ottobre all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (Bologna), mentre il 10 ottobre al Pala Alpitour di Torino. I biglietti saranno messi in vendita a partire dalle 11.00 di venerdì 13 maggio su TicketOne e sul sito di Live Nation Italia. Una prevendita esclusiva, invece, che durerà 48 ore – a partire dalle 10.00 di mercoledì 11 maggio – sarà disponibile solo attraverso l’applicazione My Samsung. L’acquisto dei biglietti per le tappe di Torino e Bologna comprende anche una copia fisica o digitale del nuovo disco.

 

A cura di Stefania Fausto