Riprovandoci, con lo stesso furore della storia intensa terminata nel 2013, ma della quale hanno ripreso il filo di un discorso lungo più di vent’anni. Sono questi gli Holding Patterns, cioè tre quinti dei Crash of Rhinos, band di Derby che riduttivamente potremmo chiamare post-hardcore e alla quale sono bastati due dischi per diventare indiscutibili: “Distal” (2011) e “Knots” (2013).

Gli Holding Patterns escono allo scoperto con un doppio LP, “Endless”, in Italia grazie a To Lose La Track. “Endless” è tecnicamente il loro album di debutto, anche se lo spirito è quello del ritorno, a conferma del fatto che l’energia da scaricare sui pedali è ancora tanta. Con una chitarra e un basso in meno rispetto ai Crash of Rhinos, il trio ha iniziato a scrivere nuovi pezzi dal 2016 con la stessa mentalità di prima, semplificando in parte la formula che che aveva reso il suono della band precedente riconoscibile nel suo essere compatto, coeso e allo stesso tempo cesellato dagli arpeggi più mathy.

Ritorna anche uno dei manifesti del loro passato (“Five voices, two guitars, two basses, one drum kit.“): tutti e tre i membri si alternano al microfono in giochi di climax senza tregua (Dust). Ma dal passato fortunatamente non si scappa: i ragazzi persistono nel loro talento compositivo, che scaturisce in muri di suoni fatti di loop, stop and go, pause e crescendo continui.

Il batterista Oli Craven rimane un batterista follemente talentuoso e ambidestro, che non deve più spingersi così forte in avanti, in quanto l’amalgama si fa più semplice in un’intesa rodata da quasi vent’anni su e giù per i palchi insieme.

Quello che soprende, e che ci fa apprezzare il disco, rimane paradossalmente lo stesso di anni fa: riuscire a dare spazio alla melodia nel rumore, riuscire a condensare il caos in qualcosa di digeribile mantenendo allo stesso tempo tutti gli orpelli. Gli Holding Patterns sono tra le poche band a farlo ancora bene, adesso, e con un progetto nuovo. Di altri me ne vengono in mente veramente pochi, forse i Delta Sleep.

Andrea Frangi

 

Post correlati