sea wolf

Sea Wolf – Through a Dark Wood: Recensione

Praticamente dico alla mia compagna: “Sai che devo recensire i Sea Wolf?". “Chi?”, fa lei. “Possibile che tu non sappia che il loro ultimo album “Trough a Dark Wood” arriva dopo anni di silenzio e che final...

Calibro 35 – Momentum: Recensione

Dopo una Retromania agguerrita e appuntata sul petto come medaglia al valore, i nostri ragazzacci l’hanno spuntata: combattendo a denti stretti il loro tempo, vincendo ogni manierismo, finalmente sono giunt...

Devendra Banhart – Ma: Recensione

Andiamo dritti, perché il decimo album di un artista come Devendra Banhart merita tutta la franchezza e l’onestà di cui siamo capaci: se la musica è madre, dal titolo dell’ultima fatica, “Ma” per l’appunto,...
flamingods

Flamingods – Levitation: Recensione

Una tempesta cromatica di luci, questo lavoro: i Flamingods hanno messo a punto una miscela composita e organica di suoni dai colori vivaci, luminescenti, a formare infine una specie di grande, magniloquente ta...

Boy Pablo – Soy Pablo: Recensione

Abbiamo ascoltato l’Ep dell’artista norvegese Boy Pablo per chissà quante volte, giungendo ad una conclusione cui mai avremmo pensato di arrivare: in Norvegia la felicità è una condanna. Le ballate, le stor...

Pond – Tasmania: Recensione

Per un pomeriggio festivo proprio niente male. Non ci si riferisce al dolce preparato dal parentado e prontamente rifilato ai nipoti in ansia di mangiarne a vagonate. Piuttosto seduti in soggiorno comodi ab...

Thom Yorke – Suspiria: Recensione

Se l’arte è urlo, la bocca che non emette voce rimanda all’afonia, alla drammatica e tragica fatalità di una comunicazione inesistente. Che per compiersi trova unica e sola ragione nelle mille forme della b...

Beirut – Gallipoli: Recensione

Quanto Belpaese in questo ultimo lavoro dei Beirut, così lucente e malinconico che poi viene anche voglia di essere felici. Zach Condon da New York decide che no, la grande città che tutti noi sogniamo gli ...