Parquet Courts – Sympathy for Life: Recensione

  Dopo poco meno di un decennio, fra gavetta, provocazioni (il noise estremo di “Monastic Living” del 2015) e inaspettate collaborazioni (quella con l’italiano Daniele Luppi in “Milano” del 2017), c...

Parquet Courts – Wide Awake!: Recensione

Abbandonate certe sperimentazioni noise (il semi riuscito “Monastic Living” del 2015), come anche gli aspetti più indie di certe pubblicazioni, i Parquet Courts sono tornati alle proprie origini. “Wide Awake!” ...

Parquet Courts Wide Awake! Nuovo singolo e disco in arrivo

Oggi i Parquet Courts condividono la title track del loro imminente nuovo album, Wide Awake!. Probabilmente la canzone che è in maggiore contrasto con i lavori precedenti, “Wide Awake”, mette in risalto la missione della band e punta a raggiungere il complesso...

Parquet Courts due date in italia ad Ottobre

I Parquet Courts finalmente arrivano in italia! Il quartetto proveniente dal Texas ma di stanza a NY torna in Italia per due date: sabato 22 ottobre al Covo di Bologna e domenica 23 ottobre al Biko di Milano. ...
parquet courts human performance

Parquet Courts – Human Performance: recensione

New York è l’attuale capitale mondiale, non solo economica ma anche artistica, sportiva e scientifica. Poco importa se l’egemonia statunitense rischia di essere surclassata da quella cinese in “breve” tempo. Per ora la grande mela rimane il faro a cui tutto il...

Parquets Courts ad Ottobre a Milano!

Tornano i Parquet Courts che, per promuovere il loro ultimo album di inediti, “Human Performance“, recensito qui. La band ha deciso di continuare a suonare fino Una delle nuove date sarà quella nel nostro Pae...

Shame – Drunk Tank Pink: Recensione

Ci sono voluti più o meno sei mesi, ma alla fine, con questo "Drunk Tank Pink", abbiamo tutti e tre gli album delle nuove promesse del rock britannico. Insieme a Fontaines D.C. e Idles, gli Shame erano partiti alla riscoperta del post-punk, dei Fall e...

B Boys – Dudu: Recensione

Un passo indietro, due avanti. Perché con questo "Dudu", i punk-rocker newyorkesi decidono di tornare a quell’impostazione volutamente sciatta e lo-fi degli esordi, mettendo da parte la pettinatura più ordi...