Ryan Adams canta Morning Glory e Supersonic degli Oasis

La cover di Wonderwall fatta da Ryan Adams è probabilmente una delle sue più grandi hit, e negli anni Noel Gallagher ha sempre parlato un gran bene di questa versione. Mercoledì sera, sul palco AE di Pittsburgh, c'era una line up piuttosto speciale: Noel Galla...

Disq – Collector: Recensione

I Disq potrebbero per attitude e sound far parte di quella schiera, comprendente Idles, Shame e Fontaines D.C., che nell’ultimo biennio ha contribuito a far risorgere il punk britannico. È però obbligatorio...

8 Idee Regalo per un Natale Indie

Manca poco al tanto temuto giorno di Natale e sappiamo che tra voi ci sono ancora tantissimi indiecisi su cosa regalare . Eì  arrivato il momento di smetterla di tormentarvi e mettere mano al portafogli.  Con questo articolo azzerriamo il vostro stre...

Liam Gallagher – Why Me? Why Not.: Recensione

Perché Liam Gallagher? Perché no. "Our kid" è stato il frontman di una delle più grandi band degli anni Novanta, gli Oasis, e successivamente ha vissuto periodi che definire grigi è un eufemismo. Ma… Sono pa...

Peter Doherty & The Puta Madres – S/T: Recensione

A tre anni di distanza da “Hamburg Demostrations”, torna Peter Doherty, questa volta accompagnato da una band tutta nuova: The Puta Madres. Sarà la formazione che vede tra le sue fila una violinista e una tastierista, sarà l’utilizzo più insistente dell’ar...

The Backlash – Mindtrap: Recensione

“Mindtrap” è il primo album sulla lunga distanza (i nostri esistono dal 2013) dei Backlash, band milanese amante degli anni Novanta, con già all’attivo un EP e svariati live fra Italia ed Europa. Fruscio, f...