neil young homegrown

Neil Young – Homegrown: Recensione

Inizialmente Neil Young avrebbe voluto far uscire “Homegrown” nel 1975, poi optò per un altro lavoro di pari disperazione e bellezza, più corale e meno intimo di questo, ma comunque bellissimo e divenuto po...

Neil Young & Crazy Horse – Colorado: Recensione

Complice la sua nuova band elettrica (i Promise of the Real), pensavamo che Neil Young avesse ormai abbandonato i vecchi Crazy Horse. “Colorado”, invece, è qui per smentirci. Dieci nuovi brani che sanno di ...

Courtney Barnett – Things Take Time, Take Time: Recensione

Courtney Barnett, folletto dell’indie rock australiano, è diventata grande. Complice probabilmente il periodo pandemico durante il quale si sono svolte le registrazioni di questo “Things Take Time, Take Time”, la trentaquattrenne di Melbourne abbandona inf...

Dinosaur Jr – Sweep It Into Space: Recensione

“Sweep It Into Space” è il dodicesimo lavoro dei Dinosaur Jr, il quinto dalla reunion con la formazione originale (J Mascis, Lou Barlow e Murph), che da “Beyond” (2007) ha regalato ai fan solo gioie. Nel 20...
the natvral

The Natvral – Tethers: Recensione

Malgrado l’infelice scelta del moniker The Natvral (quella "v" fra due consonanti sarà un rimando alle humanae litterae o è una metafora dell’illeggibilità della natura?), questo “Tethers” si erge sopra la ...

The Antlers – Green To Gold: Recensione

Dopo ben sette anni di pausa tornano gli Antlers del leader nonché polistrumentista Peter Silberman, stavolta accompagnato dal solo Michael Lerner alla batteria e alle percussioni. Sono ormai lontani i tempi del gioiello “Hospice”, che portò la fama al can...

Weezer – OK Human: Recensione

Oops! ...they did it again! Esattamente come due anni fa, a pochi mesi dall’uscita del nuovo album tanto pubblicizzato, gli Weezer hanno pubblicato a sorpresa un disco del tutto differente. Nel 2019, il pes...