empty country recensione

Empty Country – S/T: Recensione

Il 2020 è una merda, e fare uscire un disco in questi primi mesi dell’anno una follia, un suicidio (fidatevi, ne so qualcosa). Joseph D’Agostino probabilmente la pensa come me, ma fortunatamente non agisce ...

Porridge Radio – Every Bad: Recensione

«I've always known that we're the best band in the world». Queste le parole rilasciate al New Musical Express da Dana Margolin, leader dei Porridge Radio, giovane band proveniente da Brighton in attività da cinque anni, ma solo oggi arrivata al diritto di ...

Disq – Collector: Recensione

I Disq potrebbero per attitude e sound far parte di quella schiera, comprendente Idles, Shame e Fontaines D.C., che nell’ultimo biennio ha contribuito a far risorgere il punk britannico. È però obbligatorio...

Wire – Mind Hive: Recensione

Nel 1977 i Wire pubblicano il capolavoro punk “Pink Flag”, ma la band londinese è talmente punk da far dire al leader Colin Newman: «Non eravamo amici dei Sex Pistols. Comunque di gruppi come loro ce n’erano fin troppi e molti facevano schifo». Bastano qui...