Lo ammettiamo, per i Vanarin abbiamo sempre avuto un debole. La band bergamasca ci ha stregato fin dagli esordi, quando il loro suono era piĂą ruvido e aggressivo. Da qualche anno il progetto musicale di David Paysden, Marco Sciacqua, Massimo Mantovani e Marco Brena ha invece intrapreso la strada dell’alt-pop e del neo soul dal respiro internazionale (viste anche le origini del cantante), con risultati altrettanto eccellenti. Dal vivo, poi, i Vanarin mettono in mostra tutta la loro tecnica, davvero sorprendente (qui il nostro report di una loro data al Circolo Ohibò di Milano). Un motivo in piĂą per sperare nel ritorno dei concerti.

La band ha all’attivo un EP omonimo (autoprodotto, 2017), un album full lenght “Overnight” (Woodworm Label, 2018), e un secondo EP, intitolato appunto “EP 2”, pubblicato nel 2020 con Dischi Sotterranei. Nel 2021 è prevista l’uscita del secondo album “Treading Water”. Il disco è stato anticipato dal singolo Care (uscito per Dischi Sotterranei), un brano che parla del tempo “come un missile che colpisce l’anima”.

Care è il nostro video della settimana: