royal republic recensione

Sia subito ben chiaro: anche questo “Club Majesty”, quarto lavoro in un decennio per la band di Malmö, raggiunge pienamente la sufficienza. C’è però da dire che chi avesse imparato ad amare i Royal Republic ai tempi dei primi due album, “We Are the Royal” e “Save the Nation”, due vere e proprie bombette rock’n’roll come solo gli svedesi sanno confezionare, potrebbe trovare abbastanza indigesto quest’ultimo lavoro, come un dolce un po’ troppo zuccherino alla fine di un succulento pasto.

Ascolta il disco su Amazon Music Unlimited, solo per te 4 mesi a 0,99 euro. Clicca qui

Scegliendo una strada giĂ  in parte esplorata nel penultimo disco “Weekend Man”, i Royal Republic di oggi sono una band d’intrattenimento, poco affine a trasmettere emozioni e totalmente dedita al raggiungimento di un unico obiettivo: quello di far ballare chiunque. Ecco quindi che il punk degli esordi si è trasformato in un “quattro quarti disco”. Allo stesso tempo, anche il vocalist Adam Grahn, grandissimo animale da palcoscenico, ha levato i panni da Johnny Rotten a favore di quelli piĂą istrionici e tamarri di un Freddy Mercury scandinavo.

Qualche fiamma in ricordo dei vecchi tempi ancora rimane: Bulldog è una scheggia impazzita alla Hives, Stop Movin’ un tiratissimo surf da terzo millenio. Degne di nota anche la ballad sabbathiana Like a Lover e i fiati blues del singolo Boomerang, da scordare invece gli influssi anni Ottanta di Anna-Leigh, che poggia su un ritornello che manco gli Spandau Ballet.

La foto di copertina recita: “Ogni notte per l’eternità”. Speriamo i nostri parlino del rock’n’roll (che sanno fare e bene) e non solo di quest’ultimo “Club Majesty”.

Andrea Manenti

 

Ascolta il disco su Amazon Music Unlimited, solo per te 4 mesi a 0,99 euro. Clicca qui