Se devo pensare a quali siano i più grandi artisti musicali di questa generazione, uno dei primi nomi che mi vengono in mente è sicuramente quello di Anderson .Paak, genietto trentatreenne dell’attuale scena statunitense. Questo “Ventura” si presenta come un ritorno al passato della black music (intendendo il soul dei grandissimi, un nome su tutti Marvin Gaye), ma anche al passato personale del musicista californiano. Siamo infatti dalle parti del capolavoro di tre anni fa, “Malibu”, anche se cronologicamente l’album in questione viene dopo il crossover quasi sperimentale di “Oxnard”, frutto delle stesse sessioni di registrazione.

L’inizio, affidato al singolone super soul Come Home in compagnia di una delle piĂą grandi stelle della black music degli ultimi tre decenni, Andre 3000 dei furono Outkast, qui al rapping, è semplicemente una bomba. Subito dopo è il turno del duetto Make it Better con Smokey Robinson, un tuffo nei favolosi anni Settanta grazie ai magnetici archi capaci di trasportare gli ascoltatori in una dimensione di puro relax. Reachin’ 2 Much, con Lalah Hathaway ai cori, ha un groove pazzesco, mentre Winners Circle è lounge music di un livello tale da potersi piacevolmente ascoltare anche quando non si è in ascensore o beatamente spaparanzati sul divano. Quest’ultimo è inoltre uno dei due brani in cui Paak sfodera il suo micidiale flow, in questo lavoro lasciato un po’ da parte.

Jazmine Sullivan aiuta la nostra giovane star in Good Heels, canzone dilatata e soffusa che fa da apripista a Yada Yada, perfetta continuazione che ricomincia, ma con tatto, a serrare i ritmi. Impossibile non dimenare le anche in King James, omaggio alla stella del basket a stelle e strisce LeBron James; Chosen One è un funkettone nel quale il nostro divide la scena con Sonyae Elise e ci dĂ  la seconda ed ultima dimostrazione di rapping ad altissimi livelli. Con Jet Black si scende in pista per un ballo scatenato e sensuale in compagnia di Brandy, mentre grazie al suo riff di tromba Twilight è forse il pezzo piĂą vintage del lotto. Il finale What Can We Do? con il sopravvissuto Nate Dogg è da brividi e rinverdisce i migliori fasti della Motown. “Ventura” è un ritorno a soli cinque mesi di distanza dall’ultima fatica in grado di rialzare l’asticella di valore di Mr. Anderson .Paak.

Andrea Manenti